Troppo sport e calcificazione delle coronarie: c’è un legame?

sport coronarie

Praticare sport per più di sette ore e mezza a settimana, praticamente un’ora al giorno, fa male al cuore: è quello che leggiamo da alcuni giorni su diverse testate giornalistiche. Vediamo di capirci qualcosa in più. Innanzitutto, l’affermazione è basata su una ricerca in fieri, quindi non ancora conclusa, da parte dell’Università Mayo (Stati Uniti d’America). Lo studio ha riguardato oltre 3.200 volontari e si è protratto per 25 anni: “Cardia”, questo il titolo della ricerca, è l’acronimo che sta per “Coronary Artery Risk Development in Young Adult Study”.

Da tutto questo studio, secondo quanto si legge in giro, è emerso che lo sport eccessivo porti a calcificazioni nelle arterie coronariche, con possibili gravi conseguenze come ictus e infarto, soprattutto nei maschi bianchi. Il team di ricerca, coordinato dai dottori Deepika R. Laddu e Jamal S. Rana, ha monitorato il campione dal 1985 al 2011, ossia da quando i soggetti avevano 18 anni fino ai 33, prestando attenzione a stile di vita, parametri cardiaci e dieta. I volontari sono stati divisi in gruppi in base alla quantità di esercizio fisico praticato durante la settimana: il primo gruppo era composto da coloro che non andavano oltre i 150 minuti ogni sette giorni (si tratta del tempo suggerito dall’OMS), nel secondo gruppo quelli che svolgevano attività per 150 minuti, mentre nel terzo quelli che superavano la soglia.

sport coronarie

Ebbene, dall’analisi dei dati svolta dagli esperti, sarebbe risultato che chi praticava sport per un’ora o più al giorno correva maggiormente il rischio di un aumento dei depositi di placche calcificate nelle coronarie. E non è tutto, perché mentre in linea generale la percentuale di rischio di tali calcificazioni era del 27%, nel caso dei maschi bianchi di etnia caucasica la percentuale di rischio saliva all’86%. Letto così, insomma, si tratta di uno studio che potrebbe spaventare chi pratica un’ora al giorno di running, perché in molti hanno pubblicato la notizia lasciando intendere che sia consequenziale il rischio di ictus o infarto.

“Nessun rapporto causa-effetto”

In realtà, infatti, sono gli stessi esperti che hanno condotto lo studio a sottolineare come si tratti solo di un’associazione statistica, ossia non ci sia al momento alcun elemento che confermi il rapporto causa-effetto tra il praticare tanto sport e i problemi di calcificazione alle coronarie. In passato, tra l’altro, altri studi hanno dimostrato come un’intensa attività fisica possa proteggere dalla rottura delle placche coronariche, che può essere responsabile di eventi cardiovascolari anche gravi.

  • 87 Posts
  • 0Commenti
Giornalista e istruttore tecnico di scuola calcio, scrivo e studio sport praticamente 24 ore al giorno guidato da un irrefrenabile ottimismo nei confronti delle nuove generazioni.
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *