Sunrisebike Gravel 2018: i due percorsi della prima edizione

Sunrisebike Gravel 2018

Questa volta l’atmosfera dell’alba sarà totalmente diversa. Forti dell’esperienza delle passate stagioni, ma desiderosi di esplorare nuovi territori, gli organizzatori del circuito Sunrisebike Ride hanno deciso di darsi alla gravel. L’evoluzione delle ibride che in passato assomigliavano alle mountain bike sono delle filanti bici da strada irrobustite negli pneumatici e nel telaio e modificate nelle geometrie in modo da garantire il giusto equilibrio fra comfort e guidabilità.

All’alba di domenica 20 maggio si svolgerà la prima edizione della Sunrisebike Gravel con due percorsi da 50 e da 100 km. Il percorso breve da 50 km prevede un lungo single track tecnico e guidato e un dislivello di 350 metri. Il percorso lungo è per ciclisti ben preparati: nei 100 km del percorso sulle colline felsinee si superano 1100 metri di dislivello positivo.

Sunrisebike Gravel 2018 a Bologna - Data e iscrizioni

L’iscrizione costa 10 euro e dà diritto a due ristori sul percorso (uno per il percorso da 50 km) e il pasta party all’arrivo, più un pacco gara per tutti i partecipanti.

Il percorso lungo è di 97 km con 1477 metri di dislivello positivo.

Il percorso breve è di 52 km con 484 metri di dislivello positivo.

 

La partecipazione è aperta a tutti gli enti che hanno aderito alla convenzione della Fci e ai non tesserati provvisti di documento e certificato medico (per l’attività non agonistica per i 50 km e per l’attività agonistica per i 100 km); è obbligatorio l’utilizzo del casco. I non tesserati possono essere iscritti a discrezione dell’organizzazione, con pagamento della relativa quota assicurativa.

L’organizzazione è curata dalla Asd Ciclistica Bitone in collaborazione con Fabbrica Fotografica.

 

  • 146 Posts
  • 1Commenti
Giornalista e ciclista, è riuscito a far convivere le sue due passioni scrivendo di bici per numerose testate, fra cui "Ciclismo" e "L'Unità". Colleziona colli alpini ed è sempre a caccia di nuovi itinerari fra Italia, Francia e Portogallo. Ha pubblicato diversi libri fra cui "Storia del ciclismo" e "Grimpeur".
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *