Marcialonga Craft 2019: data, percorsi e iscrizioni della granfondo

Marcialonga Craft 2019 - Altimetria e planimetria

Nuovo percorso per la tredicesima edizione della manifestazione con partenza e arrivo a Predazzo

Marcialonga vuol dire sci di fondo, ma le caratteristiche del territorio dolomitiche non potevano non condurre all’organizzazione di una Marcialonga ciclistica. Sulle montagne in cui il Giro d’Italia ha raccontato alcune delle sue storie più leggendarie è nata nel 2007 la Marcialonga Craft, un appuntamento fisso per gli amanti delle due ruote.

Domenica 2 giugno 2019 saranno due i percorsi sui quali i ciclisti potranno sfidarsi: un tracciato di granfondo da 137 chilometri e un percorso da mediofondo da 82 km.

Marcialonga Craft 2019

Marcialonga Craft 2019: i due percorsi

La partenza della gara sarà come sempre a Predazzo. La gara punta subito alle grandi Dolomiti, salendo la Val di Fassa, con la svolta a Sen Jan di Fassa e l’ascesa del Passo Costalunga, quindi il suggestivo passaggio accanto al Lago di Carezza, la cui magia e bellezza sono note in tutto il mondo. La discesa a capofitto tra caratteristici paesi porterà alla seconda salita di giornata, la mitica scalata del Passo di Pampeago, più volte palco e cornice del Giro d’Italia e una delle più ambite dai grandi ciclisti. Si proseguirà in picchiata, prendendo la via del ritorno verso Predazzo, dove ci sarà la scelta tra il tracciato lungo o l’arrivo del medio.

Marcialonga Craft altimetria

Il percorso Granfondo prevede un nuovo passaggio a Moena e l’ascesa al Passo San Pellegrino, altra meta molto amata dai ciclisti nonché teatro delle lotte sportive del Giro d’Italia. Da qui, altra discesa ed altra regione, il Veneto, per l’ultima scalata al Passo Valles, al cospetto delle imponenti Pale di San Martino. Infine, la lunga discesa alla volta di Predazzo, passando fra gli alberi secolari del Parco Naturale di Paneveggio.

Il percorso lungo prevede un sviluppo di 135 km con un dislivello di 3900 metri; il percorso medio è lungo 80 km e supera un dislivello di 2488 metri.

Marcialonga Craft altimetria

Marcialonga Craft 2019: le iscrizioni

La partecipazione alla Marcialonga Craft è aperta a cicloamatori d’ambo i sessi che rientrano nelle categorie stabilite, regolarmente tesserati agli Enti di promozione riconosciuti dal CONI, che garantiscono le prescritte coperture assicurative ed in possesso di idoneità medico sportiva e ai cicloamatori stranieri in possesso della tessera rilasciata dalla federazione di appartenenza per l’anno 2019.

Le iscrizioni si effettuano on-line compilando la scheda personale in ogni sua parte. Il versamento della quota può essere fatto con: 1) carta di credito; 2) bollettino postale sul conto 316380 intestato a S.c. Marcialonga, Loc. Stalimen 4, 38037 Predazzo TN; 3) bonifico bancario su IBAN IT27 S081 8435 2800 0000 0083 816 Cassa Rurale Val di Fiemme. Coloro che non appartengono ad alcuna società devono selezionare S.c. Marcialonga A.S.D. e richiedere il cartellino giornaliero ACSI. Iscrizione Gruppi Sportivi: compilare l’apposito modulo o inviare su carta intestata la lista degli atleti completa dei dati richiesti sottoscritta dal Presidente della Società, allegando copia del pagamento cumulativo.

L’iscrizione dà diritto a partecipare alla gara, ad usufruire lungo il percorso dei rifornimenti, dell’assistenza sanitaria, dell’assistenza meccanica ove preposta, dei servizi all’arrivo: docce, pasta party, massaggi, deposito bici e a ricevere la medaglia ricordo. Ogni altra spesa è a carico del concorrente.

La quota di iscrizione è fissata in: 38,00 € entro il 4 aprile, 43,00 € dal 5 aprile al 31 maggio, 48,00 € solo sabato 1 giugno, giorno di chiusura iscrizioni. Le iscrizioni on-line chiudono sabato 1 giugno alle ore 18.00.

Per ulteriori info si può consultare la pagina dedicata alle iscrizioni.

Foto Newspower

  • 140 Posts
  • 1Commenti
Giornalista e ciclista, è riuscito a far convivere le sue due passioni scrivendo di bici per numerose testate, fra cui "Ciclismo" e "L'Unità". Colleziona colli alpini ed è sempre a caccia di nuovi itinerari fra Italia, Francia e Portogallo. Ha pubblicato diversi libri fra cui "Storia del ciclismo" e "Grimpeur".
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *