Le maglie da calcio più belle che hanno colorato la stagione 2020-2021

Maglie calcio 2021

Un viaggio alla scoperta di casacche che presto diverranno icone di stile.

Per molti il calcio è solamente un pallone che rotola, per noi invece è una sfilata di colori accesi. Sfilata che non vediamo l’ora di gustarci ogni volta che scendono in campo i giocatori più forti delle squadre più conosciute al mondo. In quel preciso istante ecco iniziare lo spettacolo che ha per protagonisti i colori delle maglie! Ogni stagione, si sa ci regala casacche bellissime, e anche la stagione 2020-2021 non poteva certo esimersi dal farlo. Quest’anno di calcio in particolare ci ha offerto “piccoli capolavori su poliestere”, che desideriamo farvi conoscere attraverso un viaggio metaforico che chiameremo “alla scoperta delle maglie da calcio più belle”. Siete pronti a lasciarvi piacevolmente impressionare da tonalità che in molti casi si sposano tra loro alla perfezione?

Dal kit da trasferta del Barcellona alla maglia a quattro strisce della Roma

Quando ci sono di mezzo i colori, il Barcellona non ne sbaglia una: il kit da trasferta nero-oro di Messi e compagni è un vero e proprio inno all’eleganza. Anche l’Hertha Berlino non scherza affatto con la sua seconda maglia viola-nera, un quadro astratto di stampo impressionista che sembra raffigurare un cielo plumbeo. Forse un modo per intimidire gli avversari? Chissà…Forse non intimidirà gli avversari perché ormai la conoscono bene, eppure la maglia dell’Arsenal anche quest’anno fa la sua bella figura.

Quel rosso carminio, con tanto di audaci motivi zig-zag, e quel bianco sono un piacevole trionfo di colori. Non potevamo poi non menzionarvi la maglia giallo chiaro-blu scuro del Monaco, molto gradevole alla vista grazie al contrasto (azzeccatissimo) di questi due colori dominanti. Colori che – lo ricordiamo – furono indossati con stile da stelle del calcio mondiale come Thierry Henry e David Trezeguet, giocatori che per diventare i numeri uno in attacco hanno sgobbato in allenamento e durante le partitelle meno importanti, non come l’incostante ed eccentrico Mario Balotelli, un campione abituato a darsi da fare sul serio solo quando ne ha voglia. Ed è un peccato per lui come atleta ma anche per quella maglia che così non viene onorata fino in fondo.

Dopo questa piccola digressione fuori tema, sappiate che c’è una squadra che quest’anno ha osato non solo per quanto riguarda i colori ma anche per quanto riguarda il design grafico, e ha fatto più che bene. Stiamo parlando dell’Ajax, che con quel carta da zucchero abbinato al nero di linee oblique ha creato un “piccolo Picasso” sopra la sua casacca. Il rischio di realizzare una trama poco credibile era alto, e invece i Lancieri sono riusciti a stupirci positivamente. Allo stesso modo ci ha stupito la Roma, che con quelle quattro strisce orizzontali che vanno dal rosso sfumando fino al giallo è stata capace di esaltare il rosso scuro della sua maglia. Ben fatto.

Tre maglie che non ti aspetti

Inter campione Italia

Sorpresa delle sorprese, ecco a voi la maglia da trasferta del West Ham. Sorpresa perché quell’azzurro-granata non solo sta bene ma ricorda da vicino il periodo in cui questo club faceva la differenza vincendo la Coppa delle Coppe e l’FA Cup. Sembra passata un’eternità da allora, e in effetti così è visto che stiamo pur sempre parlando degli anni ’60. Se come noi amate la regalità di colori che alla vista appaiono quasi maestosi, sappiate che la maglia del Genoa ne è l’emblema di quest’anno. I Grifoni hanno stupito tutti – noi in primis – grazie a inserti dorati che nobilitano il classico rossoblù di antichissima memoria sportiva.

L’eleganza d’altronde non passa certo inosservata! Infine c’è una maglia che può essere considerata la più bella di questa stagione 2020-2021, o almeno così è secondo Footy Headlines, sito di riferimento per gli appassionati di casacche calcistiche. Quale sarebbe? Quella dell’Inter, la terza, a righe orizzontali grigie e nere che ricorda da vicino la maglia della Coppa UEFA conquistata dai nerazzurri ai tempi di Luís Nazário de Lima in arte Ronaldo. Guardandola da vicino sembra addirittura la stessa, ma forse ci stiamo sbagliando. Il grigio e il nero comunque devono portare fortuna all’Inter visto che riproponendoli quest’anno è riuscita a rivincere lo scudetto.

Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *