CosmoBike Show 2017: le bici e gli accessori più innovativi

CosmoBike Show 2017 Verona bici e accessori nuovi

Quattro giorni interamente dedicati alla passione per le due ruote, alle novità del mercato, ma anche ai premi a chi innova e a chi diffonde nei modi più differenti la cultura della bicicletta. In poco tempo CosmoBike Show è diventato il punto di riferimento per le aziende e gli enti che investono sulla bicicletta.

Proprio per valorizzare le idee più innovative del settore ciclismo è nato il CosmoBike Tech Award che quest’anno ha selezionato 18 tra le migliori idee presentate nel settore per tecnica, design e innovatività. Il premio come Miglior start-up è andato a Sherlock Srl che, con il suo Antifurto GPS invisibile per biciclette, ha realizzato un’app per monitorare dove si trova la bici in ogni momento.

Il premio Design se lo è aggiudicato Tripla, la bici compatta con un inedito spazio di carico tra i pedali, capace di portare fino a 130 kg nella versione “light” e fino a 200 kg in quella “professional”, mentre la bicicletta elettrica Nduro Tschugg di Winora-Staiger GmbH si è aggiudicata il premio Innovazione grazie al suo nuovo MRS – Modular Rail System, un binario per fissare alla bici tutti gli accessori.

E se la GSD di Tern distribuita da OGA, capace di trasportare 2 bambini o 1 adulto e in grado di ridurre il suo volume di due terzi in soli 10 secondi, è stata votata come la soluzione più Family-friendly, è stata la F1-X di Cicli Olympia a vincere per Qualità tecnica grazie ad un telaio monoscocca in carbonio capace di sfruttare tutte le peculiarità delle fibre di ultima generazione.

Sempre sul fronte dei telai, il Cento10NDR di Wilier Triestina si è affermato come Premio speciale della giuria per il sistema Actiflex, un collegamento speciale tra il tubo sella e i foderi posteriori che riduce al minimo le sollecitazioni dovute alle imperfezioni del manto stradale.

Fra le menzioni speciali segnaliamo la Sicurezza in bicicletta delle luci a 360° sul terreno attorno al ciclista pensate da Tern (Vizy Light) distribuita da OGA e del casco Met Trenta 3K Carbon, realizzato con un telaio di carbonio incorporato nella calotta.

Fra le novità viste in fiera va segnalata, oltre alla nuova versione della AR01, l’ultima nata di Carrera Podium Bicycles: la TD01Air, una top di gamma con telaio in fibra di carbonio T700 con freni direct mount e un aerodinamica migliore rispetto al passato.

Molti visitatori sono stati attratti dall’Ergoview il sistema di rilevazione 3D delle misure antropometriche del ciclista che consente di valutare nel modo più rapido e scientifico possibile il posizionamento in sella.

In molti hanno strabuzzato gli occhi allo stand di Bressan Bike: la mountain bike con ruote da 36” (!) e ammortizzatore posteriore in acciaio non è passata inosservata.

Fra le soluzioni telaistiche più originali c’è, senza alcun dubbio, quella di Sturter Wood Bikes che ha sostituito il carbonio con… il legno! La bicicletta presentata a Verona è stata realizzata con legni di ciliegio e di frassino in multistrato misti a resina epossidica.

Idago ha proposto Closca Fuga un casco la cui calotta si può compattare dopo l’utilizzo in modo da poter essere contenuta all’interno di una borsa o di uno zaino.

Al CosmoBike Show di Verona si è parlato del boom della bicicletta elettrica. Nel 2016 la crescita delle vendite delle biciclette a pedalata assistita è stata del 120% per un totale di 124.500 pezzi venduti. Il boom delle e-bike non è passato inosservato ai grandi player e dopo Bosch (azienda pioniera nella realizzazione delle batterie) ora anche Panasonic, Yamaha e Samsung sono scese in pista. La bicicletta elettrica potrebbe dare un forte impulso all’utilizzo della bici come mezzo per il turismo e per il trasporto quotidiano.

E per restare in tema segnaliamo le vittorie del Veneto nell’Oscar del cicloturismo e di Siracusa nello Urban Award.

Il Veneto ha vinto grazie alla Ciclovia dell’amicizia, il percorso ciclabile di 190 km che unisce le Dolomiti a Jesolo, lungo il fiume della Grande Guerra (il Piave) e quello del silenzio (il Sile), tra i castelli e le città d’arte. Nel premio destinato alle città ha vinto l’antica città della Trinacria che si è distinta per bike sharing, car pooling, piste ciclabili, piedibus e autobus elettrici.

Foto | CosmoBike Show – Veronafiere-ENNEVI

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalvaSalva

  • 169 Posts
  • 1Commenti
Giornalista e ciclista, è riuscito a far convivere le sue due passioni scrivendo di bici per numerose testate, fra cui "Ciclismo" e "L'Unità". Colleziona colli alpini ed è sempre a caccia di nuovi itinerari fra Italia, Francia e Portogallo. Ha pubblicato diversi libri fra cui "Storia del ciclismo" e "Grimpeur".
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *