Le salite del Giro d’Italia 2018: Cervinia

Cervinia salita 20a tappa Giro d'Italia 2018

L’ascesa valdostana sarà l’ultima occasione per gli scalatori del Giro 2018

Il legame di Cervinia con il ciclismo è antico, visto che dagli anni Trenta agli anni Novanta del secolo scorso la località turistica valdostana è stata sede di arrivo della Torino-Breuil, una delle classiche del calendario dilettantistico più adatte agli scalatori.

Decisamente più recente è il legame con il Giro d’Italia che a Cervinia è arrivato per la prima volta nel 1960 con successo di Addo Kazianka. Nel 1997 Ivan Gotti ha vinto la tappa vestendo la maglia rosa poi portata sino a Milano.

Fabio Aru all’ingresso della galleria posta a 4,5 km dalla conclusione della salita di Cervinia

Dopo tre lustri di pausa il Giro è tornato a Cervinia nel 2012: la tappa ha premiato lo scalatore costaricano Andrey Amador. Nel 2015 è stato Fabio Aru a imporsi, ipotecando così il secondo posto nella classifica generale della Corsa rosa.

Nel prossimo mese di maggio la salita di Cervinia verrà affrontata al termine di una tappa lunga e selettiva e all’indomani della tappa regina del 2018 che scalerà Colle del LysColle delle Finestre, Sestiere e Jafferau. Le forze saranno ridotte al lumicino ed è facile prevedere che ci sarà selezione nonostante le pendenze non siano così proibitive.

Per i tifosi che amano seguire i “girini” sulle salite l’ascesa di Cervinia sarà l’ultima occasione dell’edizione 2018.

Da Antey –Saint André a Cervinia la salita prevede uno sviluppo lineare di 19,2 km e un dislivello di 961 metri, per una pendenza media del 5%. Nei primi chilometri si sale con il padellone: nel tratto che porta a Fernaz e a Buisson non si supera mai il 4,2% e soltanto dal quarto chilometro occorre alleggerire il rapporto visto che nei duemila metri lineari che conducono al Lac de Mayen le pendenze vanno dal 6,2% al 9%.

Giunti in prossimità del lago la strada spiana per un paio di chilometri per poi “incattivirsi” nuovamente nel secondo gradone di 2,5 km al 7,8% di pendenza media che si conclude con l’ingresso a Valtournanche. È in questo tratto che si trova la rampa al 12% che rappresenta il tratto più impegnativo dell’intera ascesa.

L’altimetria della salita di Cervinia: 19,2 km di ascesa al 5% con una pendenza massima del 12%

A questo punto, raggiunta quota 1529, mancano poco meno di 9 km alla meta. Per 6,5 km la salita si mantiene su pendenze comprese fra il 5% e l’8,6%. Messe alle spalle la località di Sanglin-Damon e la galleria che conduce verso il traguardo, l’epilogo diventa una pura formalità: negli ultimi 1500 metri la pendenza è di poco superiore all’1% con la linea d’arrivo a quota 2001 metri.

La ventesima tappa del Giro d’Italia, Susa-Cervinia, si disputerà sabato 26 maggio 2018

Visti i passaggi in galleria è consigliabile montare delle luci e munirsi di eventuali accessori per l’illuminazione passiva. Il periodo consigliato per la scalata? Da fine maggio a fine settembre.

  • 149 Posts
  • 1Commenti
Giornalista e ciclista, è riuscito a far convivere le sue due passioni scrivendo di bici per numerose testate, fra cui "Ciclismo" e "L'Unità". Colleziona colli alpini ed è sempre a caccia di nuovi itinerari fra Italia, Francia e Portogallo. Ha pubblicato diversi libri fra cui "Storia del ciclismo" e "Grimpeur".
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *