Calo di energie nel cambio di stagione: i consigli della nutrizionista per chi fa sport

Cambio di stagione e calo di energie

Anche se questo è un aprile molto particolare, perché siamo costretti a restare in casa, un modo di svolgere attività fisica lo troviamo comunque, ma a volte il problema è trovare la voglia. Nel cambio di stagione, infatti, molti di noi accusano un calo di energie che rende molto difficile la pratica dell’attività sportiva. Grazie a MioDottore, abbiamo chiesto qualche consiglio alla Dott.ssa Giorgia Ricci, nutrizionista che riceve a Roma.

Il detto “aprile dolce dormire” ha un fondamento scientifico? Perché all’inizio della primavera ci si sente più stanchi?
“Il cambio stagionale e il conseguente cambio climatico, possono influire sul tono dell’umore, sul sonno e sull’appetito in senso positivo e/o negativo. Ne derivano stanchezza, spossatezza, nervosismo e inappetenza. Il corpo ha bisogno di adattarsi a questi piccoli, ma significativi cambiamenti”

Dottoressa Giorgia Ricci
La nutrizionista Giorgia Ricci che riceve a Roma

Se ci si sente stanchi è meglio non allenarsi affatto o sforzarsi di praticare attività fisica?
“La stanchezza molto spesso è legata a una dieta non adatta all’attività sportiva che si pratica. È bene farsi seguire da un professionista della nutrizione per l’elaborazione di un piano alimentare personalizzato e specifico per lo sport che si pratica, a cui verrà affiancata (se necessario) un’integrazione opportuna”

Quando è meglio svolgere attività fisica nei periodi in cui ci si sente più stanchi? In quale momento della giornata?
“La scelta dell’orario di allenamento è molto soggettiva; c’è chi preferisce allenarsi al mattino o chi la sera al termine della giornata lavorativa. Il consiglio, nella bella stagione è sicuramente quello di evitare le ore centrali della giornata e più calde, preferendo il primo mattino (ad esempio le 8) o il tardo pomeriggio (ad esempio le 19)”

Che tipo di allenamento bisogna fare per avere più energia in primavera?
“La programmazione che si segue in palestra tiene assolutamente in considerazione la stagione di lavoro. Pertanto, il tipo di allenamento verrà modificato dal personal trainer di conseguenza. Non è un caso che in inverno si esegua la cosiddetta ‘scheda di massa’ e in estate la ‘scheda di definizione’. Il tutto deve essere chiaramente legato a una dieta specifica”

Ci sono degli alimenti consigliati per far fronte a una diminuzione dell’energia e della voglia di fare?
“La natura ha già pensato a tutto, fornendoci alimenti di stagione (estiva) maggiormente ricchi di sali minerali, come magnesio e potassio, proprio per far fronte a questo calo delle energie. Non è un caso che la frutta estiva risulti più dolce e succulenta rispetto a quella tipicamente invernale”

Trucchi per combattere il calo di energie

In caso di un calo di energie può essere utile ricorrere a integratori alimentari? Se sì, di che tipo?
“Integratori di sali minerali e vitaminici possono fornire un valido supporto, ma sempre a fronte di una corretta alimentazione e uno stile di vita sano”

Dal punto di vista mentale qual è il modo migliore per affrontare il cambio di stagione?
“Risveglio, in primavera, ci si risveglia. Lo fa la natura e lo facciamo anche noi. Cerchiamo di assecondare le nostre sensazioni, svolgiamo le nostre attività, ma senza esagerare. Ogni cosa ha il suo tempo”

Con il passare dell’età è più o meno frequente la possibilità di imbattersi in un calo di energia?
“‘Abbi cura del tuo corpo, è l’unico posto in cui devi vivere!’. Sì, ma occorre sempre tener in considerazione la storia della persona, il suo vissuto, le condizioni di salute, le sue abitudini alimentari”

Che tipo di routine quotidiana bisognerebbe seguire per avere più energia?
“Corretta alimentazione, attività fisica e una buona qualità del sonno sono sicuramente tre fattori determinanti per uno stile di vita sano, che permette di affrontare le sfide quotidiane con energia, concentrazione e lucidità”.

Alla dottoressa Ricci abbiamo chiesto anche se c’è qualche trucchetto che possa aiutarci a trovare la voglia di allenarci e ha risposto che, in condizioni normali (quindi quando sarà completamente superata l’emergenza sanitaria da Covid-19), può essere utile allenarsi in gruppo: “Assolutamente sì agli gli sport di squadra o ai ‘team wod’, che possono rappresentare una spinta motivazionale forte per fare attività fisica anche nei periodi in cui ci si sente più stanchi e svogliati. Coinvolgere un amico in un pomeriggio di jogging, in una lezione di funzionale al parco, in un’escursione o in una semplice camminata a passo veloce, sono tutte attività che ci permetteranno di stare in movimento e all’aria aperta, così da trarne beneficio anche a livello psicologico. Approfittate della bella stagione per fare sport al di fuori delle mura della palestra”. Anche in periodo di isolamento domiciliare c’è chi ha trovato il modo di superare le distanze e si allena in gruppo via web: ognuno resta a casa propria, ma si fa l’allenamento tutti insieme, collegati in diretta tramite le tante piattaforme che offrono questa possibilità. Tra gli esempi che stanno funzionando di più c’è l’appuntamento quotidiano (dal lunedì al venerdì alle ore 17) dello YouTuber Guglielmo Scilla, noto anche come WillWoosh, in diretta su Instagram con il programma di allenamento chiamato scherzosamente “Fisico da Covid”.

  • 533 Posts
  • 6Commenti
Giornalista professionista appassionata di sport fin da bambina. Scrivo per diverse testate nel web e sono fondatrice di Milady Magazine e Sport Folks. Ciclismo, volley e animali sono le mie più grandi passioni. Ho scritto il libro "Le ragazze che fecero l'impresa - La generazione d'oro del tennis italiano" per Ultra Sport.
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *