Ciclismo, gli accessori di Ekoï per pedalare sicuri e al caldo

Accessori Ekoï per ciclisti inverno 2018

Ekoï propone una serie di prodotti per migliorare la sicurezza dei ciclisti e per pedalare sempre al caldo.

Nella stagione invernale i ciclisti che continuano a pedalare sulle strade extraurbane hanno bisogno di potenziare la loro visibilità con l’illuminazione passiva dell’abbigliamento oppure con gli accessori realizzati ad hoc. L’altra esigenza è quella di pedalare in condizioni termiche confortevoli.

L’azienda francese Ekoï propone per la stagione autunno-inverno 2017-2018 una serie di prodotti dedicati alla sicurezza che avvisano le macchine della distanza corretta durante il sorpasso, chiamano aiuto nei casi d’emergenza e migliorano la visibilità dei ciclisti per strada.

Questa linea di prodotti include i capi Protect, il pulsante d’emergenza Connect (“MonSheriff”), gli adesivi Id Vitae con codice QR e la versione Led della linea Perfolinea.

La giacca invernale Protect

Il completo della linea Protect consiste in una maglia Protect a maniche lunghe (79,99 euro) o corte (49,99 euro), pantaloncini Protect (109,99 euro) e giacca termica invernale Comp10 (14,99 euro). I colori sono accesi e ogni capo ha sul retro un design specifico che avvisa le macchine della corretta distanza dalla bici durante il sorpasso.

Il pulsante d’emergenza Connect

Il pulsante d‘emergenza Connect (“MonSheriff”) è piccolo e leggero (7gr) e può essere attaccato alle bretelle dei pantaloncini o tenuto nell’apposita taschina della giacca termica  invernale Comp10. Il pulsante, che è connesso con il cellulare, manda un messaggio d’emergenza ai 5 contatti salvati e permette la localizzazione geografica, così che i soccorsi non abbiamo problemi a rintracciare il ciclista.

Connect è anche in grado di attivare una sirena d’allarme che suona fino ad un’ora per attirare l’attenzione di passanti o di soccorritori. Il pulsante Connect (49,99 euro) è incluso gratis nella giacca invernale Comp10.

Gli adesivi Id Vitae possono essere applicati sul casco del ciclista

Nel caso di un incidente l’adesivo Id Vitae con codice QR dà accesso immediato ai dati medici del ferito (allergie, gruppo sanguigno, medicinali abituali, ecc). Il codice può essere letto con uno smartphone e agevola significativamente il soccorso se il ferito non è cosciente.

Gli adesivi sono in omaggio per l’acquisto dei caschi Corsa Light e Corsa Evo. Tre adesivi costano 9 euro.

Per avere una maggiore visibilità su strade trafficate, soprattutto durante il crepuscolo e in condizioni di pioggia e nebbia, Ekoï propone la versione Led della giacca termica Perfolinea, dotata di 5 LED sulla tasca posteriore centrale. In aggiunta si consiglia l’uso dei guanti invernali Black Led: i 3 Led attaccati sul dorso della mano possono essere adoperati in tre modalità diverse (luce permanente e 2 modalità luccicanti) e sono un ulteriore aiuto nel buio e per situazioni impreviste.

Ai ciclisti freddolosi Ekoï propone i guanti (139,95 euro) e i copriscarpe (169,95) Heat Concept.

I guanti riscaldanti da ciclismo impermeabili e traspiranti Ekoï Heat Concept possiedono una batteria amovibile ricaricabile con un’autonomia da 2 a 5 ore (a seconda dell’intensità del calore desiderato).

I guanti riscaldanti Heat Concept

Utilizzabili sia per la strada che per la mtb e il ciclocross, questi guanti hanno quattro livelli di temperatura: led verde (25° C  e autonomia di 5 ore), led giallo (30° C e autonomia di 4 ore), led arancione (35° C e autonomia di 3 ore) e led rosso (40° C e autonomia di 2 ore).

Il modello è realizzato con membrana impermeabile e traspirante Hipora ® e efficace fino a -20° C ed è garantito per due anni.

I copriscarpe riscaldanti Heat Concept

Stessi livelli di temperatura per i copriscarpe Heat Concept che sono disponibili in tre taglie (M da 40 a 42, L da 43 a 45 e XL da 45 a 47) e sono garantiti per due anni.

Per ulteriori informazioni si può consultare il sito web ufficiale di Ekoï. Qui invece trovi i consigli dell’esperto sull’allenamento del ciclista in inverno.

  • 169 Posts
  • 1Commenti
Giornalista e ciclista, è riuscito a far convivere le sue due passioni scrivendo di bici per numerose testate, fra cui "Ciclismo" e "L'Unità". Colleziona colli alpini ed è sempre a caccia di nuovi itinerari fra Italia, Francia e Portogallo. Ha pubblicato diversi libri fra cui "Storia del ciclismo" e "Grimpeur".
Ancora nessun commento! Sarai il primo a commentare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *